Alpitour e Giunti di nuovo insieme per la scuola con il progetto “La Terra è il mio tesoro, la esploro e la proteggo”

Alpitour e Giunti Scuola promuovono la seconda edizione della campagna educativa “La Terra è il mio tesoro, la esploro e la proteggo per parlare di sostenibilità e riduzione dei consumi anche ai più piccoli, utilizzando un linguaggio attento alle emozioni dei bambini. 

In un periodo complesso come quello che stiamo vivendo, Alpitour ha, infatti, voluto riconfermare il proprio sostegno nei confronti della campagna educativa realizzata insieme a Giunti Scuola dal titolo La Terra è il mio tesoro, la esploro e la proteggo. Un’iniziativa inaugurata lo scorso anno e accolta con grande interesse da parte di docenti, alunni e genitori, che ne hanno apprezzato i contenuti, le attività e i materiali volti a raccontare, con semplicità e delicata consapevolezza, quanto ogni nostra azione possa incidere sull’equilibrio ambientale. 

La rinnovata collaborazione ha l’intento di riportare l’attenzione sulla necessità di accompagnare i bambini in un percorso di confronto e comprensione sui rischi ambientali, oggi sotto gli occhi di tutti, e sui comportamenti virtuosi per il futuro del nostro pianeta.

Le scuole coinvolte

Il progetto è rivolto in particolare alle classi III, IV, V delle scuole primarie di 7 province (Torino, Milano, Verona, Bologna, Roma, Napoli e Catania) e coinvolgerà 50.000 bambini e le loro famiglie. Si tratta di una campagna crossmediale realizzata a più livelli: con un sito dedicato alla campagna www.terramiotesoro.it – ricco di contenuti e veicolo del concorso a premi per le classi e al contest a premi per le famiglie – e con materiali editoriali. Sono stati confezionati 2.000 kit, destinati ad altrettante classi, contenenti materiali informativi, ludici e didattici, per svolgere molteplici attività a scuola e a casa, oltre al libro “Tacitus e l’impronta ecologica”, scritto per l’iniziativa e destinato a ogni bambino. Il libro racconta le avventure di una famiglia alle prese con la difficile sfida di ridurre la propria impronta ecologica: la storia si serve di un linguaggio emotivo in grado di stimolare l’azione concreta e autonoma, oltre a determinare una consapevolezza duratura.  Le attività sono pensate per essere svolte in sicurezza in classe, dal momento che le lezioni delle scuole primarie si svolgono ancora in presenza. Tuttavia, in considerazione dell’evolversi dell’attuale emergenza sanitaria, Alpitour e Giunti Scuola hanno già previsto anche una modalità online, che sarà attivata in caso di necessità, per la facile consultazione e la condivisione dei materiali del kit.  

La campagna educativa è stata accolta anche in questa seconda edizione con grande entusiasmo: a dicembre erano già stati ordinati tutti i 2.000 i kit. Una conferma dell’interesse dimostrato su questa importante tematica, fra le principali sottolineate dalla scuola nell’Agenda per lo sviluppo sostenibile 2030, sottoscritta dai 193 Paesi membri dell’ONU e recepita dal MIUR (Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca) nel Piano per l’Educazione alla sostenibilità. 

Giorgia Fanari

Giornalista, blogger, ambientalista. Testa rossa, sempre. Amo i viaggi, la fotografia e la tecnologia.