Con #Sciuker4Planet nascono nuove foreste urbane: 1.000.000 kg di CO2 compensati a partire dal 2018

Avere sul nostro Pianeta, in territorio italiano, nuove foreste urbane che con i loro alberi che compensino con il loro “respiro” l’emissione di CO2 nell’atmosfera. Questo è l’obiettivo di #Sciuker4Planet, il nuovo progetto ecosostenibile lanciato dall’azienda di infissi Made in Italy e di design Sciuker.  La prima delle foreste urbane di Sciuker nasce a Milano Parco Nord dove, in collaborazione con l’ente no profit Rete Clima sono stati messi a dimora i primi alberi autoctoni: frassini, querce, ciliegi e altri arbusti, arrivati da vivai della Lombardia.

Foreste urbane: nuovo ossigeno per il Pianeta

A partire dal 2018 il progetto #Sciuker4Planet attraverso le foreste urbane punta a neutralizzare 1.000.000 di kg di CO2 lungo l’intero ciclo vitale delle piante messe a dimora, che contemporaneamente produrranno ossigeno per il Pianeta. 

All’arricchimento delle foreste urbane potranno contribuire tutti: ogni cliente di Sciuker infatti avrà la possibilità di adottare un albero e riceverà un codice personale attraverso il quale, dal sito dell’azienda (4planet.sciuker.it), potrà monitorarne la crescita, la sua cura e manutenzione, e soprattutto potrà rendersi conto di quanta anidride carbonica viene compensata dalla sua pianta.

In più, al momento dell’adozione, il cliente riceverà anche Sprout, una speciale matita che contiene al suo interno un seme: quando la matita sarà consumata e troppo corta per scrivere, basterà metterla in un vaso per far nascere una nuova pianta, che darà altro ossigeno al Pianeta.foreste urbane -sciuker

Azienda 100% green: nel 2017 non immessi in atmosfera oltre 200.000 kg di CO2

Foreste urbane e non solo. Il progetto di Sciuker intende mostrare il lato green dell’azienda italiana, che da sempre opera in maniera sostenibile, a partire dallo stabilimento produttivo che è interamente progettato nella massima efficienza ambientale: è dotato di 1.968 pannelli fotovoltaici che ogni anno compensano circa l’80% del fabbisogno energetico e che nel 2017 hanno permesso a Sciuker di non immettere in atmosfera 218.216 kg di CO2, equivalenti all’assorbimento di oltre 300 alberi piantati.

L’azienda inoltre si impegna da anni in una scrupolosa raccolta differenziata dei rifiuti, che per il 70% vengono riciclati e trasformati in modo da reintrodurli nel mercato, e nell’ottimizzazione degli scarti di lavorazione: il 100% di questi viene utilizzato per il riscaldamento dello stabilimento produttivo o venduto ai produttori locali di pellet, generando indotto per il territorio. Anche dal punto di vista dei trasporti, Sciuker rappresenta un’eccellenza: il suo intero parco auto è composto da vetture a metano. 

 

Giorgia Fanari

Giornalista, blogger, ambientalista. Testa rossa, sempre. Amo i viaggi, la fotografia e la tecnologia.